Zara e il suo lungo mare: dialogo tra architettura e natura

Oggi all’architetto viene richiesto di dare nuove risposte alle priorità dell’uomo nell’utilizzo dello spazio e alla sua esigenza di un più equilibrato rapporto spazio – natura.


Progetto dell’ arch. Nikola Basic

Un esempio che risponde a tale “esigenza”  è lo spazio pubblico urbano realizzato dall’architetto Nikola Basic, avvalendosi di un’interpretazione ludica – immateriale nella sua sostanza – di elementi naturali: onde marine ed energia solarefusi in uno spettacolo sempre nuovo di suoni e immagini.

Questo spazio cittadino a margine del nucleo storico urbano, del tutto passivo prima del suo intervento, di colpo è diventato un luogo di comunicazione, di aggregazione, di meditazione quotidiana, un posto chiave per l’identità urbana, nonché immancabile meta di visitatori che giungono a Zara, importante centro urbano dell’Adriatico che conserva testimonianze delle civiltà che vanno dall’antichità, toccano le radici della storia croata, e giungono ai giorni nostri.

Sul lungo mare di Zara la luce e il suono del mare giocano un ruolo importante:

Il Padiglione della Croazia situato nelle Artiglierie dell’Arsenale, presenta due installazioni urbane: “Organo Marino” e “Saluto al Sole” dell’architetto Nikola Basic, costruite nel periodo 2004/08 sul lungomare di Zara, città costiera in Dalmazia.

Organo Marino_La natura compone musica:

L’Organo Marino prende la forma di una scalinata che porta al mare, inducendo le persone a cambiare il loro modo di camminare, a fermarsi e scendere verso il mare.

Sotto la scalinata di pietra, divisa in sette sezioni, ognuna di 10 m di lunghezza (70 m in totale), ci sono 35 tubi in polietilene di diverse lunghezze, diametro e inclinazione, allo scopo di consentire il passaggio  dell’area e dell’acqua e produrre un suono diverso a seconda delle condizioni del vento e del mare.

I tubi sono raggruppati in 5 note diverse per un totale di 35 toni, in ogni tubo è istallata una canna d’organo. Alla base della riva i tubi hanno un diametro di 32 cm, quello è il posto dove entra l’onda, quando l’onda spinge l’aria nel posto dove il tubo si restringe (e ha un diametro minore) l’area diventa più veloce e questa accelerazione produce un suono articolato nel corridoio di risonanza, cioè lì dove sono montate le canne dell’organo, sotto i piedi dei passanti.

Sono stati utilizzati  materiali poco degradabili e adatti a condurre il suono, calcestruzzo e pietra locale per la struttura, polietilene per i tubi e acciaio inox per le canne dell’organo.

Inoltre anche le sedute che cingono  le aiole alberate non sono altro che elementi che ricordano i tasti di un organo!!

Saluto al Sole:
Il Saluto al Sole è una superficie vetrata circolare di 22 m di diametro, situata nel marciapiede di lungomare e su di essa si può camminare.

La superficie è dotata di pannelli fotovoltaici e una rete di punti luce sottostanti che creano un display di 10.000 piccole lampadine.

Il cambio d’intensità e di colore della luce di ognuna delle lampadine e indotto da un computer.  In realtà, questo è un impianto che può emanare la luce in tutte le sue sensazioni possibili, inviare messaggi, formare grafie, scrivere parole.

È possibile avvicinarsi fisicamente a questo spettacolo di luce dinamica, che ci porta in un ambiente immateriale con una sensazione di nuoto o spostamento del suolo sotto i piedi.

L’installazione accumula l’energia del sole e la trasforma in un gioco di luce. La stessa energia è utilizzata per l’illuminazione generale del lungomare e cosi farà il Saluto al Sole un dispositivo per la produzione di energia da fonti alternative.

Un posto magico dove ritrovarsi a meditare e sentirsi in stretto contatto con la natura.
Io personalmente ho goduto dei più bei tramonti mai visti prima!!

Scritto su econote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *