Palazzo Donn’Anna, opera sospesa tra cielo e mare!

C’è un Palazzo a Napoli che si erge su uno scoglio, lo scoglio di Partenope, la sirena da cui prende il nome Napoli, facendo quasi per la sua maestosità e bellezza a gara e da contro altare con il famoso Castel dell’Ovo che gli è proprio di fronte. Da sempre fonte di storie, racconti e di misteri il Palazzo Donn’Anna a Posillipo affascina non solo i napoletani, ma persone da tutto il mondo.
Fu voluto per opera di Donn’Anna Carafa, (da cui prende il nome) come il palazzo più bello di Napoli  a seguito del matrimonio con il viceré Ramiro Núñez de Guzmán, duca di Medina de las Torres. Diventando così traditrice del popolo napoletano che fu conquistato dagli spagnoli.
L’opera fu commissionata all’architetto veneto Cosimo Fanzago, a metà 600, ma non fu mai completata per la  prematura morte di donn’Anna, avvenuta in un contesto di insorgenza popolare a causa della temporanea caduta del viceregno spagnolo, con fuga del marito della stessa verso Madrid.
Tutt’ora la parte sinistra dell’opera appare incompiuta, come allora, e lì il tempo sembra essersi fermato.
La sua architettura, si ispira all’architettura veneta, con parti centrali a tre archi a tre ordini di altezza e arco centrale sulla parte più bassa delle facciate, cinque per la precisione, costruite in tufo sulla e nella roccia, dove l’ultimo livello diventa un tutt’uno con il mare, l’acqua infatti è nelle sue viscere. La sua incompiutezza inoltre la unisce allo stesso tempo con il cielo, sembra essere da sempre un’opera “sospesa”!
Il palazzo subì molti danni durante la rivolta di Masaniello nel 1647. Oggi di proprietà privata, dopo varie funzioni, l’opera passata nelle mani della Banca d’Italia,  fu da prima acquistata dalla famiglia Genevois, e poi venduta in parte ai Principi Colonna. La sua parte più illustre, il teatro, è sede della Fondazione Culturale Ezio De Felice, l’architetto che l’acquistò e lo restaurò facendolo diventare il suo studio di architettura, ad oggi visitabile e sede di eventi culturali.

Se vi trovaste a Napoli.. non perdetevelo, anche solo per ammirarlo dal mare!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *